ARTE E VINO

Da sempre arte e vino rappresentano un connubio ideale, due mondi adiacenti la cui compenetrazione esalta reciprocamente il benessere dei sensi che entrambi sanno donare.
Nei terreni della Tenuta Casuccio Tarletti tutto ciò è realtà quotidiana, grazie all’iniziativa dell’azienda di ospitare una delle opere del Parco Sculture del Chianti, circuito di opere d’arte contemporanea nato dalla passione e dalla competenza dei galleristi Piero e Rosalba Giadrossi, che in un bosco incontaminato di querce e lecci hanno trovato la collocazione per il lavoro di vari artisti internazionali, invitati a studiare la natura per poi creare le proprie opere integrandole nell’ambiente circostante. La vegetazione, la luce, le peculiarità atmosferiche della giornata e delle stagioni danno sempre nuovi aspetti alle sculture, come è tipico per l’arte ambientale.
Dalla sua inaugurazione nel 2004 il parco o re al pubblico ben 13 ettari dove ammirare oggi ben ventisei installazioni e sculture di arte contemporanea lungo un circuito di circa 1 km, attraversando visioni e stili diversi grazie alla presenza di artisti di oltre venti paesi dei cinque continenti, in un dialogo fra la natura seducente del Chianti e i materiali via via impiegati dagli artisti: dal bronzo al ferro, dal marmo al granito, no al vetro, al neon, o al metallo termosaldato, com’è il caso dell’opera ospitata nella nostra tenuta, gli Struzzi Metropolitani del cinese Yu Zhaoyang. Due gure eleganti ancorate al terreno, alte quasi sei metri, si a acciano dentro alle chiome dei cipressi che costeggiano la vigna, come a sbirciare in una dimensione “altra”, dove riscoprire una natura al riparo dalla confusione metropolitana.

arte e vinoarte e vinoarte e vinoarte e vinoarte e vino